Pagina inizialeVilla Paola | Villa con piscina, CroaziaAppartamenti mareAttrazioni Kršan, Rabac, Istria (Croazia)Bar, Valner, Chi siamoContatto
Prenotazione
KršanRabacIstria
Istria

Con uno sguardo vedrete tutta la ricchezza istriana: dalle montagne vicinissime coperte di neve, l’ondeggiare verde dei prati e campi, pianure e valli, i campi con i vigneti e oliveti, fino ad un azzurro infinito del mare.

Quando entrate in questo lusso, quando vi avvicinate profondamente, vi stupirà ogni suo dettaglio, ogni particolare, le facciate delle chiese e portali delle città, le calle dei villaggi con le sue corti, archi e baladuri, il rumore di un ruscello veloce e i campi con i ciliegi fioriti. Qui è tutto vicino e famigliare: la natura, i villaggi e le persone.
Opuscolo Istria 1 | Opuscolo Istria 2 | Opuscolo Istria 3

L’Istria verde

Vi invitiamo di conoscere e scoprire i sui incanti, segrete tesorerie, angoli intimi e presagi nobili. Venite nell’Istria verde, nei tratti dei sogni e delle favole che vi gioiranno con la loro bellezza e il loro silenzio, riempiranno delle antichità, vi indoreranno di quella forza nativa che uno sente solo al contatto con la natura ben protetta e le sue ricchezze. Le porte delle città e delle case rimangono sempre aperte.

Qui vi accoglierà la virtù dello Spirito e vi offriranno donni dei secoli passati.
Benvenuti nel paese delle antichità, della bellezza e salute!

L' Anfiteatro

E' il monumento piu' importante e piu' famoso

L’edifico di fronte al cui inizia e termina ogni visita turistica alla città di Pola – l’Arena – il monumento più conosciuto e più importante dove ai tempi passati svolgevano le lotte con i gladiatori. La costruzione dell’anfiteatro iniziò durante il 1° secolo sotto l’imperatore Vespasiano ed è perciò stata costruita durante l’inizio del più grande e più conosciuto anfiteatro del mondo – il Colosseo di Roma.

Costruito dalla calce istriana, l’anfiteatro Arena appartiene agli edifici di forma ellittica con l’asse più lunga di 130m e quella più corta di 100m. La parte centrale cioè il campo di battaglia è di una superficie piatta intorno alla quale seduti sulle scale di pietra o anche stando a piedi nella galleria, nei tempi romani 20.000 persone guardavano le lotte dei gladiatori. Nel Medioevo nell’Area si svolgevano i tornei cavallereschi e le fiere, mentre oggi è punto d’incrocio per tutte le manifestazioni culturali svolte d’estate – dal film al festival della cavalleria, opere, una serie di concerti durante la quale 5.000 persone possono godersi lo spettacolo nell’Arena.

Isole Brioni

Parco nazionale Brioni

Brioni è un raggruppamento delle isole sulla costa occidentale d’Istria, la cui parte più bella nel 1983 fu dichiarata Parco nazionale. Da Pola le isole distano solo 6km e sono divise dalla terraferma con il canale di Fasana da dove ogni giorno parte la nave per Brioni. Le isole di Brioni sono composte da 2 più grandi isole – Brioni Maggiore e Minore, e altre 13 isole della costa frastagliata, abitate fino alla preistoria. Le isole sono conosciute per un clima buono e una vegetazione esuberante, mentre sull’area del parco nazionale sono state piantate piante tropicali che formano dei viali alberati, parchi e giardini pubblici.

Lo zoo di Brioni è all’aperto e gli animali passeggiano liberi per l’isola. Esiste anche il parco safari.
Su Brioni potete praticare qualsiasi sport: equitazione, golf, tennis, vela, wind surfing, noleggio barca e bici, andare sott’acqua e troverete a vostra disposizione molti campi sportivi, da gioco e palestre. La vacanza sulle isole Brioni si adatta a tutti quelli che cercano alloggio di alta qualità e un’offerta ampia di servizi aggiuntivi.
Apri la pagina >

Arrampicata libera

Per l’arrampicata libera in Istria troverete al momento 9 luoghi. Zlatni rt (Capo d’oro), Canale di Lemma, Dvigrad, Terme istriane, Raspadalica vicino a Buzet, Vranjska draga (forra di Vrana) vicino al tunnel Ucka, vicino a Pisino, Moscenicka draga, Vintijan, Pola e Rabac.

Su questi 9 sentieri sulle rocce corti da 20 a 30 metri di altezza ci sono 270 arrampicate preparate. Sulle rocce istriane che offrono vari ostacoli si divertiranno sia gli già esperti tra di voi che i principianti.

Oltre alla natura splendida che offre Istria a questo sport che viene sempre più apprezzato dagli arrampicatori, è il fatto che le rocce sono quasi tutte orientate verso il sud, così che si possono arrampicare anche nei periodi più freddi a maniche corte.

La terra del tartufo d’oro

Insolito, tubero particolare nascosto sotto terra – questo è il tartufo. Questo raro e costoso fungo che si trova nella terra fertile istriana è una vera delicatezza gastronomica. Il tartufo bianco d’Istria è uno dei più pregiati nel mondo.

Gli esperti culinari sono d’accordo su un’unica cosa – il tartufo è l’apice della gastronomia. E’ un tubero particolare, misterioso e nascosto sotto terra. Non ha la parte epigea e quindi, è impossibile che l’uomo lo scopra. Solo un cane appositamente addestrato può fiutarne l’odore.

Il terreno della nostra penisola a forma di cuore è costituito da due tipi di terra: quella intensamente rossa nella parte litorale e quella grigia, grassa ed argillacea nella parte centrale. Il tartufo cresce proprio in questa terra grigia il cui epicentro è negli umidi querceti (la foresta di Montona) presso il fiume Quieto.

Una patata strana, poco appariscente, dall’odore intensamente sgradevole, però una volta chi ci si abitua, si è suo eterno adoratore. Uno ne diventa dipendente come avviene per tutti gli altri vizi.

Oprtalj (Portole d’Istria)

Oprtalj

Situata su un colle al quale si accede, attraverso uno stretto altipiano situato sulla direzione per Montona, secondo l'opinione di molti, è una delle cittadine più pittoresche dell'Istria settentrionale. Portole è stata in passato una fortezza circondata da mura sulle quali furono costruite delle case, fra cui è appena visibile l'antica porta della città; davanti ad essa si trova una grossa loggia veneziana col lapidario, mentre vicino, sugli alti bastioni, vi è un piano, dal quale la vista si protende fino al mare.

Apri la pagina>

Basilica Eufrasiana

Il monumento culturale più importante è la Basilica Eufrasiana del VI secolo con i suoi mosaici, sotto il patrocinio dell’UNESCO dal 1997. Il complesso sacrale fu costruito nel 6° secolo durante il vescovo Eufrasio. Oltre la basilica ci sono l’atrio, il battistero, palazzo Vescovile e i resti dei mosaici come anche degli edifici sacrali dal 3, 4 e 5° secolo. Gli splendidi mosaici sono bene conservati e si possono paragonare solo con quelli a Ravenna (Italia). Grazie ai mosaici di terra uno può facilmente seguire le diverse fasi di adattamento e rinnovazione.

Apri la pagina>

Parenzana

Parenzana

Parenzana era la linea ferroviaria lunga 123km che collegava 33 paesi istriani da Trieste (Italia) a Parenzo. Oggi la stessa ferrovia passerebbe tramite tre diversi paesi. La sua costruzione iniziò nel 1900 e fu finita, quest’impresa grande anche per i nostri tempi, in solo due anni. L’ultimo treno che ha percorso questa ferrovia fu nell’agosto del 1935. I carri e le locomotive sono stati venduti, mentre la ferrovia tolta.
Apri la pagina >